Crostata con Frolla Macrobiotica

E su specifica richiesta, condivido la ricetta della frolla macrobiotica!

Chi, per necessità o scelta, vuole eliminare il burro o gli zuccheri nelle ricette, dovrà farne tesoro.

Se voi o i vostri ospiti non siete  abituati ai sapori dei dolci macrobiotici, con molta probabilità potrebbero risultarvi dei “non-dolci”, perché escludono l’utilizzo di zuccheri raffinati. Questi zuccheri anestetizzano le papille gustative, per cui, un palato assuefatto a cibi raffinati, non troverà molto piacevole una frolla macrobiotica. Vi do un consiglio: potete avvicinarvi piano piano a questa ricetta, magari all’inizio usando dello zucchero di canna integrale – che più si avvicina al sapore che immaginiamo di gustare guardando un dolce – per virare poi verso il miele, ed infine il malto di riso, dolcificante principe della cucina macrobiotica.

Crostata con frolla macrobiotica

Le dosi che sto per darvi sono per la crostata della foto, ma la ricetta della frolla la potete utilizzare anche per realizzare dei biscotti: basta rendere l’impasto più liquido, mettendo meno farina, e aggiungere gli altri ingredienti che la fantasia vi suggerisce (cioccolato fuso, frutta secca, uvetta, scorzette di agrumi, etc).

Ingredienti:

  • 250 gr di farina semi-integrale (tipo 1 o 2)
  • 125 gr di olio EVO (o di sesamo, o girasole)
  • 175 gr di miele, malto o zucchero di canna integrale
  • 50 gr di acqua, o succo di mela o arancia
  • 1 chicco di sale
  • scorza grattugiata di limone o arancia
  • confettura a piacere q.b.

Preparazione:

Il primo step, fondamentale, è l’emulsione dei liquidi: in un terrina mettete insieme l’olio, il liquido (acqua o succo) e il pizzico di sale, ed emulsionate bene con una frusta. A questo punto aggiungete il dolcificante. Se avete scelto il miele, il più adatto è quello di Acacia. Proseguite con la farina e la scorza di limone o arancia. Impastate, aggiungendo farina, se occorre, per avere un impasto lavorabile con le mani.  Attenzione: questo tipo di frolla va manipolata poco, altrimenti l’olio si scalda e si “separa” dagli altri ingredienti. Può essere stesa anche subito, non necessita di tempo di posa come la frolla tradizionale, ma è possibile anche conservarla in frigorifero fino a 1/2 giornata.

Stendete la pasta, lasciando poco meno di metà impasto per realizzare poi le strisce con cui coprire la base. Trasferite in una teglia oliata e bucherellate con una forchetta. Aggiungete la confettura. Stendete la pasta rimanente e con una rotellina realizzate le strisce con cui terminerete la guarnizione del dolce, facendole aderire bene ai bordi della base.

Infornate a 180° per 20/30 minuti. Evitate di aprire il forno nei primi 20 minuti, per via che la frolla non subisca sbalzi termici che precludano la giusta cottura. Lo sbalzo termico è importante che avvenga solo al termine della cottura: a quel punto, togliete la crostata dal forno. Non lasciatela “stiepidire” a forno aperto, o coperta.

Se volete utilizzare la ricetta della frolla per i biscotti – per esempio delle lingue di gatto – per la cottura saranno sufficienti 8-10 minuti: toglieteli che non sembrino già cotti a puntino, poiché poi raffreddandosi diventeranno più duri.

Buona colazione o merenda macrobiotica!

P.S.: volete un’idea di farcitura super golosa? Provate le Crostatine all’Arancia con Fichi al Vinsanto e Nocciole 😉

Crostatine all’Arancia con Fichi al Vinsanto e Nocciole
Crostata all’Arancia con Fichi al Vinsanto e Nocciole

Per la tua spesa bio, comodamente a casa:

Farina di Grano Tenero - Tipo 1
Farina da grani antichi biologici coltivati in Romagna

Voto medio su 19 recensioni: Da non perdere

€ 5.80

Malto di Riso Bio
Dolcificante con un elevato potere nutrizionale

Voto medio su 101 recensioni: Da non perdere

€ 3.70

Succo Limpido di Mela
Con solo zuccheri presenti nella frutta

Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere

€ 3.65

Olio di Girasole Italiano Deodorato
Di prima spremitura

Voto medio su 51 recensioni: Da non perdere

€ 4.95

0 comments on “Crostata con Frolla MacrobioticaAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *