Crostata alla Crema di Cocco e Limone con Pere Speziate

Erano crostate, ma sono andate¬†via come il pane! ūüėÄ

Stamattina le mie colleghe ed io avevamo organizzato un piccolo rinfresco¬†per festeggiare l’inaugurazione del nostro ufficio, completamente rinnovato. Per l’occasione avevo preparato due crostate: una alla crema di cocco, e l’altra, pi√Ļ classica, alla marmellata di fragoline di bosco.

Con mio grande stupore e soddisfazione, prima di mezzogiorno erano gi√† state spazzolate entrambe! Sull’onda dell’¬†entusiasmo, voglio condividere subito le ricette!

Ho deciso di dare la precedenza a quella pi√Ļ particolare, la crostata alla crema di cocco e limone con pere speziate, che √® molto delicata, dolce e profumata.

Crostata alla Crema di Cocco e Limone con Pere Speziate

Bando alle ciance, via con gli ingredienti!

Ingredienti:

per la frolla

  • 300 gr di farina di tipo 0
  • 150 gr di zucchero di canna
  • 1 limone (la buccia grattugiata)
  • 1 bustina di cremor tartaro (lievito per dolci vegano)
  • 1 pizzico di sale
  • 30 gr di latte di soia + q.b. per impastare
  • 90 gr di olio di girasole deodorato
  • qualche goccia di succo di limone

per la crema 

  • 600 gr di latte di cocco
  • 30 gr di farina di riso
  • 50 gr di zucchero di canna
  • 1 limone (la buccia grattugiata e qualche goccia di succo)
  • 1 cucchiaino di vaniglia in polvere

per le pere speziate

  • 2 pere williams mature
  • acqua¬†minerale
  • 1 cucchiaio di zucchero di canna
  • 1 cucchiaino di cannella
  • 1 cucchiaino di vaniglia
  • radice di zenzero
  • 4/5 bacche di cardamomo

per la guarnizione finale

  • granella di nocciole tostate

Preparazione:

Iniziate preparando la crema: mettete a bollire il latte di cocco aggiungendo la buccia e qualche goccia di limone, la vaniglia e lo zucchero. La quantit√† di zucchero √® indicativa, dipende molto dal tipo di latte che usate: in commercio ne esistono di pi√Ļ o meno zuccherati. Il top sarebbe utilizzare latte di cocco autoprodotto, che non ha zuccheri aggiunti e, che ve lo dico a fare, √® molto pi√Ļ sano. Magari una volta vi scriver√≤ la ricetta per prepararlo. Ma per realizzare un dolce, che √® uno stravizio da concedersi ogni tanto, va benissimo quello dei negozi.

Quando il latte inizia a sobbollire, aggiungete la farina e mescolate con una frusta, per evitare che si formino grumi, e continuate a cuocere per far addensare. Anche la quantit√† di farina va modulata, sempre in considerazione del fatto che il latte che avete acquistato √® “al naturale”, o sono presenti altri elementi aggiunti. Nel secondo caso, sar√† pi√Ļ difficile da far stringere. La mia crema √® rimasta piuttosto lenta, ma non me ne sono preoccupata, perch√© con il passaggio del raffreddamento e la successiva cottura in forno, alla fine la consistenza avrebbe dovuto avvicinarsi a quella che volevo.

Lasciate quindi raffreddare la crema, e procedete con le pere. Mettete a bollire dell’acqua nella quale avrete aggiunto le spezie (le bacche di cardamomo vanno aperte) e lo zenzero pulito e fatto a pezzetti (√® sufficiente un pezzetto di radice di circa 2 cm, o secondo i vostri gusti); una volta che sar√† giunta a bollore, immergete le pere sbucciate, e lasciate cuocere qualche minuto, a seconda del grado di maturazione delle pere: devono comunque rimanere sode. Trascorso il tempo necessario, scolatele, e lasciate che pure queste si raffreddino (non buttate l’acqua in cui avete cotto le pere: √® una tisana ottima! Perfetta, per il periodo Natalizio!).

Dedichiamoci alla frolla. In una terrina ponete la farina, la buccia di limone, lo zucchero, il pizzico di sale e la bustina di cremor tartaro (√® un¬†agente lievitante naturale estratto dall‚Äôuva, facilmente reperibile nei negozi biologici o nei supermercati pi√Ļ forniti). A parte, nel contenitore del frullatore ad immersione, versate il latte di soia, l’olio di girasole – meglio usare quello deodorato – e qualche goccia di succo di limone. Immergete il frullatore ad immersione qualche secondo e…magia! Otterrete una mousse, simile allo yogurt, che andr√† a svolgere la funzione del¬†burro nelle crostate tradizionali. Ho imparato questo trucchetto al corso di cucina vegana mediterranea¬† che ho frequentato presso il Centro Culturale Olistico Gaia di Danila Callarelli: lei lo chiama “burr-olio”, ed √® un aiuto validissimo, per ottenere dei dolci dalla consistenza perfetta, anche in chiave vegana. Anche la ricetta della frolla e l’idea delle pere speziate sono frutto di quel corso!

Aggiungete la mousse alla farina, ed amalgamate. Sar√† necessario aggiungere un pochino di latte di soia, poco per volta, per agevolare l’impasto. Spostatevi¬†sulla spianatoia e, quando avrete ottenuto un panetto quanto pi√Ļ possibile amalgamato e liscio, iniziate a stendere la pasta, aiutandovi con due fogli di carta forno: adagiate la pasta sopra il primo foglio, copritela con il secondo, e stendete con il mattarello per ottenere un disco dello spessore di circa 1/2 cm. Togliete il foglio superiore, ungete la teglia e ponetela sopra la sfoglia, verificando di aver steso la pasta in maniera sufficiente da ricoprire anche i bordi della teglia; se fosse pi√Ļ abbondante da un lato piuttosto che da un altro non preoccupatevi: questa frolla √® talmente malleabile che potrete successivamente togliere quanto c’√® in abbondanza da un lato per “rattoppare” altrove. Infilate la vostra mano sotto la carta forno, mettete l’altra sopra il fondo della teglia, e capovolgete. Sistemate la frolla all’interno della teglia, in modo che siano uniformi sia¬†la base che i bordi. Vi far√† comodo averli piuttosto alti, perch√© dovranno contenere una bella farcia. Importante: bucate la base della torta con i rebbi della forchetta.

Il nostro “cestino” √® pronto: versate la crema al cocco, affettate le pere e disponetele a raggiera su tutta la superficie. Andranno leggermente a scomparire nella crema, se √® liquida, ma va bene.

Infornate a 180¬į per circa 40-45 minuti. Verso la fine della cottura – trascorsi i primi 30 minuti, quando ormai aprire il forno non creer√† sicuramente pi√Ļ problemi al dolce – aggiungete la granella di nocciole.

E’ buonissima, ve lo giuro!

P.S.:¬†Potrebbe avanzarvi della frolla, dipende dalla teglia che avete usato…tanto meglio! Fate come ho fatto io…Aggiungete zenzero grattugiato e cannella, et voil√†: un impasto per dei golosissimi biscotti allo zenzero!

0 comments on “Crostata alla Crema di Cocco e Limone con Pere SpeziateAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *