Riso integrale con pistacchi, verdure dolci e aroma di limone

Profumi, in cucina ci vogliono i profumi. Sono i profumi, che danno il piacere di mangiare. Che fanno del mangiare un piacere che va al di là del mero atto di sostentamento, del meccanico atto di deglutire. Che fanno vivere come una sorta di venerazione il momento che dedichiamo a mangiare un cibo preparato per nutrirci, per farci stare bene. Perché  con i profumi, con gli accostamenti di sapori e consistenze, un semplice riso in bianco, cotto in pentola a pressione,  può trasformarsi in una coccola per il palato.

Cerco spesso di mangiare riso, di varie qualità. A seconda del tipo di preparazione ne scelgo uno piuttosto che un altro, ma quello integrale, dal chicco corposo, robusto, la fa spesso da padrone, per la sua versatilità. Vero è, che richiede tempi di cottura elevati, ma la mia amata pentola a pressione mi viene in soccorso! Spesso lo cuocio la sera prima, o la mattina, mentre faccio colazione, per trovarmelo pronto a pranzo, da condire come più mi va. Con la pentola a pressione il tempo di cottura del riso integrale si accorcia della metà, più o meno. Così che se in pentola tradizionale, con il metodo di cottura per assorbimento (quella giusta, per cuocere il riso, e non come viene spesso fatto, di “buttarlo giù” come la pasta, quando l’acqua bolle), il riso integrale impiega un’oretta per cuocere, in pentola a pressione con una mezz’ora ce la caviamo! E il risultato è migliore, garantito. Molte persone sono restie all’utilizzo di questo eccezionale strumento, ed invece, presa un po’ di dimestichezza, diventa un alleato impareggiabile in cucina! Mentre il riso – o quello che volete, cereale, verdura, legume – cuoce, voi ve ne andate al giro per casa a fare quello che vi pare: non dovete stare lì a girare, a controllare. Imparate le giuste dosi di tempi e acqua, il gioco è fatto.

Così ho fatto, anche per questa ricetta. Ho cotto la sera prima il riso, insieme alle verdure, ed il giorno dopo, per pranzo, ho dovuto solo preoccuparmi di scaldarlo un po’ ed aggiungere la granella di pistacchi e limone.

La dose è da “single”, quella che seguo per i miei pranzi da sola.

Ingredienti:

  • 80 gr di Riso Integrale (qualità Baldo, o Rosa Marchetti)
  • 1 carota
  • 1 finocchio piccolo
  • granella di pistacchi a piacere
  • buccia grattugiata di limone a piacere
  • sale marino integrale grosso
  • olio EVO

Preparazione:

Sciacquate il riso sotto l’acqua corrente e mettetelo in pentola a pressione, o pentola tradizionale, se non l’avete: quello che cambierà sarà solo il tempo di cottura.

Insieme al riso, mettete anche la carota e il finocchio triturati finemente.

Salate,  ed aggiungete l’acqua in proporzione 1:3 (per capirci, per 80 gr di riso, aggiungere 240 gr di acqua).

Chiudete la pentola e fatela giungere ad ebollizione: da quel momento, contate il tempo di cottura. Verificate i minuti di cottura riportati nella confezione del vostro riso e, se utilizzate la pentola a pressione, dimezzateli. Questa è la tecnica “per assorbimento” di cui vi parlavo prima: se avete bisogno, la spiego meglio nell’articolo del Riso Basmati con carciofi croccanti e nocciole tostate.

Terminata la cottura aggiungete un filo d’olio, mescolate, e lasciate riposare il riso 10 minuti. Nel frattempo potete dedicarvi a grattugiare la buccia di limone e a triturare i pistacchi.

Preparate il vostro bel piatto aggiungendo al riso con le verdure il condimento di pistacchi e limone, ed il pasto è pronto.

Buon pranzo profumato!

0 comments on “Riso integrale con pistacchi, verdure dolci e aroma di limoneAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *