Vellutata di Spinaci e Lenticchie Amore Bio

Negli ultimi giorni, più di una persona mi ha dimostrato interesse per le zuppe  e vellutate che generalmente preparo il giovedì, quando al ritorno dalla lezione di Yoga, ho voglia di una cena che sia calda, leggera e sana. E ho bisogno anche che sia veloce, dato che ho veramente poco tempo da dedicare alla cucina, dovendo incastrare la preparazione della cena tra il lavoro, che finisce alle 17:30, e la lezione di Yoga, che inizia alle 19:30 e si protrae a lungo. Questo significa che a volte devo trovare dei compromessi tra una cucina sana a tutto tondo, che si basa su verdure fresche, lavate, tagliate e cucinate seguendo certe accortezze, ed una cucina pratica, easy, che si fa aiutare da verdure a volte anche surgelate, che ringrazia quei  meravigliosi strumenti che in 5 secondi ti triturano le verdure che è una meraviglia (su dai, confessatelo: quante di voi hanno in casa quell’aggeggino della Tupperware – che tutte, tanto, siamo state incastrate in qualche riunione Tupperware -, che tu ci inserisci la verdura, tiri il filo, e lui con quelle lame diaboliche ti restituisce un trito che te c’avresti dovuto prendere le ferie per farlo uguale!)

Per rispondere alle esigenze di queste lettrici interessate alle zuppe, vi scriverò la ricetta dell’ultima vellutata che ho preparato, verde e densa: la Vellutata di Spinaci e Lenticchie. Che poi potrete tenere come spunto per molte altre.  Perché infatti cambierà l’ingrediente principale – che in questo caso è lo spinacio, altre volte potrà essere il cavolo, il sedano rapa, la zucca gialla (semplicemente divina, quest’ultima, nelle zuppe: non ha bisogno di altro per essere valorizzata) -, ma più o meno la preparazione sarà la stessa.

La particolarità delle mie zuppe, o vellutate, è che per dare la consistenza cremosa, per dare quella sostanza che le distingue da una minestrina, utilizzo i legumi. Non uso la patata, come si trova nella stragrande maggioranza di ricette di questo tipo, e men che meno panna o latte. Ed è una scelta motivata da vari fattori, che si possono riassumere dicendo che in questo modo penso di ottenere un piatto più equilibrato dal punto di vista nutrizionale. Preferisco i legumi alle patate, così nel mio piatto si inserisce una parte proteica importante, e ne guadagna, a mio avviso, anche il sapore. Per quanto riguarda la panna, poi…mi sembrano grassi inutili! Nel mio caso quella di latte vaccino è esclusa a priori, ma non vedo di buon occhio nemmeno quelle a base di soia, o riso: sono tutte realizzate con l’aggiunta di ingredienti “strani”, poco naturali. Non che non le utilizzi, a volte. Ma volendo in questo caso preparare una cena che rimanga leggera e sana, non le contemplo tra gli ingredienti  buoni.

Ecco come nascono quindi le mie vellutate: generalmente parto da una base di cipolla che faccio stufare, con spezie o aromi. A volte aggiungo anche sedano e carota, dipende dal sapore che voglio ottenere. Poi, aggiungo la verdura protagonista della zuppa e un legume, già cotto a parte (per esempio cannellini, ma più spesso lenticchie rosse decorticate). Lascio insaporire qualche istante. Poi, copro con brodo vegetale e porto a cottura. Infine, passo con il frullatore ad immersione. A volte aggiungo anche un cereale, di solito il miglio. Altre volte, invece che frullare, preferisco tenere le verdure a pezzettoni: dipende sempre da cosa suggerisce la fantasia e cosa chiede lo stomaco, quindi che tipo di preparazione si vuole. Completo guarnendo il piatto con semi oleosi, spezie, o crostini di pane tostato.

Entriamo nel dettaglio della Zuppa di Spinaci e Lenticchie

Ingredienti:

  • ½ cipolla bianca
  • 3-4 carote (dipende dalla grandezza)
  • 4 coste di sedano
  • 450 gr di spinaci surgelati
  • 100 gr di lenticchie rosse decorticate
  • Brodo vegetale
  • Sale marino integrale
  • Olio EVO
  • 1 foglia di alloro

Preparazione:

Con queste dosi avrete di certo 2/3 porzioni belle abbondanti. Affettate la cipolla ed iniziate a farla stufare con un giro d’olio e con la foglia di alloro nella pentola dove poi cuocerete il resto della verdura (anche per le vellutate io utilizzo la pentola a pressione); nel frattempo lavate e affettate le carote e il sedano: in questo caso potete tagliarli in maniera piuttosto grossolana, tanto poi passeremo con il frullatore ad immersione. Quando la cipolla è già traslucida, aggiungete le altre verdure tagliate. Lasciate insaporire qualche istante, e poi anche gli spinaci, ancora surgelati. A questo punto potete anche togliere la foglia di alloro, per evitare di aver infine un sapore troppo marcato. Attendete che gli spinaci abbiano preso un po’ calore, e aggiungete anche le lenticchie, precedentemente sciacquate sotto l’acqua corrente utilizzando un colino a maglie strette.  Mettete anche un pizzico di sale, per ora non molto. Coprite con il brodo (la quantità di sale da aggiungere dipende da quanto è saporito il vostro brodo), lasciandone poco da parte nel caso che alla fine sia necessario aggiustare la consistenza della vellutata. Chiudete la pentola e fate giungere ad ebollizione. Se usate la pentola a pressione come me, sono sufficienti cinque minuti di cottura, con fuoco basso, dal momento in cui la pentola entra in pressione. Altrimenti, portate il tutto ad ebollizione e continuate la cottura per circa dieci minuti, ma verificate sempre: la cucina in questi casi non vuole regole fisse, bisogna guardare e regolarsi di volta in volta, a seconda della quantità delle verdure, di brodo aggiunto, etc.

Non aggiungete subito troppo brodo, e non preoccupatevi se vi sembra troppo stretto: gli spinaci tendono a rilasciare molta acqua: potrete aggiungere più brodo quando, frullando, vedrete che sarà effettivamente troppo stretto.

Immergete nella pentola il frullatore ad immersione e azionate, a più riprese, fino ad ottenere un bel risultato cremoso ed omogeneo. Fate riposare qualche minuto prima di servire, di modo che l’aria inglobata con questo passaggio possa almeno in parte fuoriuscire, e non si creino fastidiosi disturbi intestinali.

Io ho guarnito con semi di Chia. Potete provare con della Paprika, o con quello che più vi ispira.

Se vi piace questa ricetta, potete trovare nel blog queste altre simili:

Vellutata speziata di Cavolfiore e Lenticchie con granella di pistacchi e limone

Zuppa di Miglio e Verdure Amore Bio

0 comments on “Vellutata di Spinaci e Lenticchie Amore BioAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *