Spaghettata agli Agretti, Olive Nere e Pomodorini Secchi, con grattugiata di Mandorle e Limone

Barba di frate o agretti che dir si voglia, questa erba è davvero buona. E primaverile. Perché a noi che ce ne frega, se fuori imperversa un Inverno dispettoso e vigliacco, che a tradimento ci ha fatto rimettere su una coperta nel letto, quando invece già eravamo pronti ad uscire in maniche corte e sandali?!?
Noi, lo ignoriamo, Almeno in cucina. Noi, andiamo di piatti primaverili.
Sapete che non avevo mai cucinato gli agretti? Pur avendone sentito parlare, non è una verdura che ho visto spesso in casa mia. Li ho scorti da lontano al negozio, e mi sono avvicinata, confondendoli per erba cipollina. Ed invece, erano barba di frate. E’ stata subito voglia di provarli, e subito ho iniziato a rimuginare su come avrei potuto cucinarli.
L’idea è stata questa: una bella spaghettata. Dal sapore deciso, marcato.

Spaghettata agli Agretti, Olive Nere e Pomodorini, con grattugiata di Mandorle e Limone

Ingredienti:

  • 180 gr di spaghetti integrali
  • 1 mazzetto di agretti
  • 2/3 cucchiai di olive nere
  • 8-10 pomodorini secchi
  • 1 manciata di mandorle tostate (meglio non pelate)
  • buccia grattugiata di limone
  • olio EVO
  • sale marino integrale

Preparazione:

Le operazioni preliminari, per procedere poi spediti ed avere tutto pronto, sono: far rinvenire i pomodorini secchi, ammollandoli per 5/10 minuti, grattugiare la scorza di limone, e pulire e cuocere gli agretti.

Come si procede con gli agretti? Eliminate la parte terminale, di colore rosastro, e pulite la parte verde eliminando ramificazioni secche o guaste.

Sciacquate più volte gli agretti sotto l’acqua corrente per eliminare bene ogni residuo terroso, dopodiché, fateli cuocere in acqua bollente per 3-4 minuti circa. Io non ho salato l’acqua, perché è sufficiente la sapidità dei pomodorini secchi, a tirare ben su di sapore il piatto!

Trascorso questo tempo di “scottatura” degli agretti, toglieteli dall’acqua con l’aiuto di un colino e fermate la cottura in acqua fredda per conservare il colore verde brillante.

Non gettate l’acqua di cottura: dopo averla leggermente salata, potete utilizzarla per cuocere gli spaghetti.

Tagliate a listarelle sottili i pomodorini secchi, e triturate le olive. In una padella antiaderente fate tostare le mandorle (perfette quelle non pelate, perché hanno una consistenza più rustica, perfetta per questo piatto) e trituratele al mixer, piuttosto finemente. Aggiungete alla panure di mandorle le scorzette di limone, e mescolate.

A questo punto, potete versare gli spaghetti nell’acqua bollente e salata.

Nel frattempo che la pasta cuoce, in un wok o padella capiente, fate scaldare l’olio EVO, e aggiungete le olive e i pomodorini; fate soffriggere un po’, aggiungendo anche 1 o 2 di cucchiai di acqua di cottura della pasta. Dopo un paio di minuti, aggiungete gli agretti e fateli insaporire ed amalgamare al resto.

Scolate gli spaghetti al dente e versateli nella padella, incorporando poca acqua di cottura, e mescolate bene. Fate attenzione che rimanga la giusta umidità e viscosità: in caso, aggiungete ulteriore acqua di cottura finché gli spaghetti arriveranno alla cottura e mantecatura perfetta.

Impiattate, e completate con il vostro “parmigiano“: il mix di mandorle e scorze di limone.

Sapete che ha detto mia nonna, dopo aver mangiato con me questo piatto?

“Brava Cuoca, stasera hai fatto proprio bene!”

E io…felice!

Spaghettata agli Agretti, Olive Nere e Pomodorini, con grattugiata di Mandorle e Limone

 

2 comments on “Spaghettata agli Agretti, Olive Nere e Pomodorini Secchi, con grattugiata di Mandorle e LimoneAdd yours →

  1. La proverò certamente perché mi sembra appetitosa specie con l’aggiunta di un po’ di peperoncino. Finora avevo mangiato gli agretti sbollentati e saltati con aglio acciuga e peperoncino. Chissà se potrebbe questa combinazione formare una base per una seconda versione di pastasciutta?

    1. Ciao Vincenzo! Sì, molto appetitosa, mi farebbe piacere se la provassi e mi facessi sapere se ho ragione 😉
      Ed anche la tua idea…saporitissima! Io l’aglio purtroppo non lo digerisco, ma per chi non ha questa mia “sensibilizzazione”, credo proprio che sarebbe un piatto super!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *